::

MONDO ENERGIA | 150 ARTICOLI

Le relazioni UE-Golfo nell’era del multipolarismo

La guerra in Ucraina ha rappresentato un momento di rottura nell’attuale ordine globale. Sebbene ci vorranno diversi anni per comprendere compiutamente il valore e gli impatti di questi eventi, è altresì evidente che alcuni mutamenti sono già in essere e in questo senso il teatro del Medio Oriente, e in particolare quello del Golfo Persico, si è mostrato più ricettivo e capace di comprendere il senso di queste trasformazioni. In quest’area, infatti, gli intrecci molteplici tra la politica interna e regionale da una parte, e gli interessi internazionali delle grandi potenze dall’altra, sono tutt’altro che marginali, frutto di più fattori multidimensionali concomitanti e collegati tra loro.

L’Italia sotto i colpi di una meteorologia estrema

Che siamo la Penisola dei grandi rischi naturali, un hot spot di eventi estremi meteoclimatici nell’area del Mediterraneo, dove le temperature corrono a una velocità del 20% superiori alla media globale, è una verità. E l’ultima alluvione ha colpito al cuore l’Italia, con due ondate di nubifragi in 15 giorni che hanno scaricato sulla stessa area geografica l’acqua che può cadere in sei mesi.

L’alluvione in Emilia Romagna: il punto di vista dell’ISPRA

Eventi come quello accaduto a metà maggio in Emilia Romagna, o come quello che ha interessato le Marche a settembre 2022, con i loro impatti drammatici su persone e beni esposti, catalizzano nuovamente l’attenzione mediatica e politica sul tema del rischio idraulico, dopo mesi in cui la siccità e la scarsità idrica hanno dominato la scena pubblica. Alluvioni e siccità sono due aspetti naturali della variabilità del ciclo idrologico, non necessariamente consequenziali tra di loro, ma sulla cui frequenza, persistenza e intensità il cambiamento climatico sta sicuramente giocando un ruolo importante.

Dalla siccità all’alluvione nel giro di poche ore: gli eventi in Emilia Romagna

Le intense piogge che hanno recentemente colpito l'Emilia Romagna hanno sollevato interrogativi sulle cause di questo eccezionale evento meteorologico. È fondamentale fare chiarezza su quanto è accaduto, considerando anche i numerosi episodi di disinformazione che si sono verificati in questi giorni. Le condizioni meteorologiche e il cambiamento climatico sono strettamente correlati a queste piogge abbondanti.

Si interrompe, per ora, il lungo periodo di siccita`: ma a che prezzo?

Quanto costa un m3 d’acqua? Molto spesso, quando viene posta questa domanda ai convegni vediamo la platea attonita, mentre se riproponessimo la stessa domanda chiedendo quanto costa un litro di latte o un litro di benzina, ciascuno di noi saprebbe almeno individuare un ordine di grandezza corretto. Questo è il risultato di un decadimento culturale che ci ha portato a considerare l’acqua un elemento secondario, una risorsa infinita alle quale i paesi ricchi posso accedere indiscriminatamente.

Il contributo dei giovani alla decarbonizzazione: la Call for Ideas - Mediterranean Region

Se ormai è chiaro e definito l’obiettivo di puntare a un’energia pulita, sostenibile ed accessibile a tutti, ancora molto si può fare per definirne il come. Molte le tecnologie che possono aiutare in questo difficile quanto necessario processo; molto gli attori coinvolti; molti i progetti. Servono però anche idee innovative che vedano coinvolte nuove generazioni di ricercatori e di giovani professionisti, spazi in cui queste idee possano emergere. Da qui muove il progetto Call for Ideas – Mediterranean Region lanciato dalla Fondazione Eni Enrico Mattei in collaborazione con OMC - MED Energy Conference e l'Unione per il Mediterraneo (UpM). Ne abbiamo discusso con Filippo Del Grosso, Senior researcher e consulente FEEM e Giovanna Madera, Consulente FEEM.

OMC Med Energy 2023: alleanza e cooperazione

Reshaping the Energy Industry: Action for Transition, questo il claim dell’edizione di OMC Med Energy che quest’anno festeggia il suo trentesimo anniversario.

Era il 1993 quando nasceva l’Offshore Mediterranean Conference and Exhibition. La Camera di Commercio di Ravenna, Assorisorse - associazione di Confindustria - e l’Associazione Ravenna Operatori Oil & GAS (ROCA) diedero vita a ciò che, negli anni, sarebbe diventata proprio a Ravenna un punto di riferimento del settore energetico, per tutto il bacino del Mediterraneo. L’intento della neonata OMC Med Energy era appunto porre l’attenzione sulle tematiche energetiche legate al Mediterraneo.

Giovani e innovazione, il nostro futuro

Le nuove generazioni sono le vere protagoniste della transizione energetica. Sono loro il nostro futuro, coloro che saranno chiamati, domani, a raccogliere il testimone di questa sfida. Ed è per questo che a OMC Med Energy le nuove generazioni hanno un ruolo di primo piano. Il futuro è, infatti, uno temi portanti dell’edizione 2023: un tempo più sostenibile, da raggiungere con la partecipazione di tutti, per il benessere delle prossime generazioni.

Ricordando Franco Nanni: viaggio nella storia di OMC

A pochi mesi dalla scomparsa di Franco Nanni, storico Presidente del ROCA, l’associazione dei contrattisti offshore di Ravenna, mi piace ricordare il nostro incontro di una decina di anni fa per una intervista sullo sviluppo del distretto energetico di Ravenna negli anni 60-70.

Ravenna e l’importanza dell’eccellenza italiana nella filiera O&G

Ancora una volta il tema dell’eccellenza operativa della filiera energetica è fra gli argomenti che verranno dibattuti all’ OMC di Ravenna del prossimo 23-25 maggio. Un tema caro all’Italia che vanta un expertise e un comparto industriale di prestigio. Del comparto, dei punti di forza e delle prospettive future, ne abbiamo parlato con l’Ing. Oscar Guerra, ad della Rosetti Marino, player importante della filiera con esperienza pluridecennale in Italia e in varie altre parti del mondo.

Page 9 of 15 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 »
Execution time: 455 ms - Your address is 44.210.83.132