::

ARCHIVIO | 104 ARTICOLI

Il WEO 2016 ed il ruolo del petrolio

Come da consolidata tradizione, l'arrivo dell'autunno ha coinciso con la pubblicazione del World Energy Outlook da parte dell'Agenzia Internazionale dell'Energia (AIE).

L'edizione di quest'anno è la prima dopo lo storico Accordo di Parigi che, finalmente, ha visto la Comunità mondiale impegnarsi per un effettivo contenimento delle emissioni climalteranti e per contrastare l'aumento della temperatura media del pianeta. A questo elemento di novità se ne è aggiunto un altro, subito dopo la pubblicazione del rapporto, costituito dalla nomina del nuovo Presidente americano. Quest'ultimo, durante la sua campagna elettorale, in realtà poco attenta ai temi energetici, ha espresso punti di vista che potrebbero modificare la linea di politica energetica dell'amministrazione americana, per vari aspetti incorporata in molti ambiti del WEO, ma per questo occorrerà attendere che il programma del nuovo governo si traduca in atti concreti. 

#primalefficienza: il motore del cambiamento

L’edizione 2016 del World Energy Outlook (WEO) è uscita in coincidenza temporale con la COP 22 di Marrakech e fornisce, fra l’altro, le informazioni essenziali per la valutazione degli accordi internazionali sul clima. Come nelle altre edizioni, il WEO 2016 analizza le prospettive di tutte le fonti energetiche al 2040. Tra queste, considera l’efficienza energetica come se fosse una fonte alternativa: l’unica che può ottenere simultaneamente obiettivi di tutela dell’ambiente, economici e di sicurezza energetica. L’Agenzia Internazionale dell’Energia (AIE) ribadisce che l’Accordo di Parigi, entrato in vigore il 4 novembre, è un importante passo avanti nella lotta contro il riscaldamento globale ma il raggiungimento degli obiettivi climatici più ambiziosi sarà estremamente impegnativo e richiederà un radicale "cambiamento nella velocità di implementazione del processo di decarbonizzazione e di miglioramento nei livelli di efficienza".  

Le fonti rinnovabili nel World Energy Outlook 2016: potenzialità di sviluppo e scelte di integrazione alla luce dell’Accordo di Parigi

Come noto, lo scorso 4 novembre è entrato in vigore l'Accordo di Parigi sul clima attraverso il quale i 190 paesi formalmente firmatari si sono impegnati a mantenere l’aumento medio della temperatura globale “ben al di sotto di 2 gradi Celsius” rispetto ai livelli preindustriali e a cercare di limitare tale crescita a 1,5 gradi, valore che dovrebbe ridurre in misura significativa le perdite e i danni associati agli effetti negativi dei cambiamenti climatici. Il raggiungimento di questi obiettivi passa inevitabilmente per una modifica radicale dei processi di produzione e di consumo di energia, attualmente responsabili di almeno i due terzi delle emissioni a livello globale, all’interno della quale l’impiego delle fonti rinnovabili (FER) è destinato ad occupare un ruolo via via crescente.

WEO 2016: scenari e temi a confronto

“Per i prossimi 25 anni, ci sembra chiaro che i vincitori saranno il gas ma soprattutto l’eolico e il solare che rimpiazzeranno il campione dell’ultimo quarto di secolo: il carbone. Tuttavia il futuro dell’energia globale non è ancora delineabile: saranno le politiche degli stati a determinare la direzione”. Queste le parole di sintesi di Fatih Birol, Direttore Esecutivo dell’Agenzia Internazionale dell’Energia (AIE), alla presentazione del nuovo World Energy Outlook, il rapporto previsivo di lungo periodo che l’Agenzia di Parigi elabora ogni anno dal 1977 e che descrive i trend energetici e climatici globali lungo un orizzonte di proiezione che si conclude al 2040, mettendo a confronto tre diversi scenari.

Page 11 of 11 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 »
Execution time: 330 ms - Your address is 3.235.107.209
Software Tour Operator