Log in or Create account

Numero 2 - Come si scaldano gli italiani (e gli effetti sull'ambiente)

22 novembre 2016

Analisi

Riscaldamento domestico e polveri fini: lo studio Innovhub

In passato, fino agli anni ’80, si pensava che l’inquinamento atmosferico fosse esclusivamente legato al traffico ed alle industrie; negli ultimi anni è emerso in maniera sempre più evidente il peso che il riscaldamento ha nell’inquinamento dell’aria. In effetti, quando le grandi città erano circondate dalle grandi fabbriche e dalle loro ciminiere e quando le auto erano alimentate da carburanti ricchi di zolfo e di piombo, le caldaie dei condomini sembravano l’ultimo dei problemi, benché molto più inquinanti di quelle di oggi, mentre le stufe e i camini usati principalmente in campagna non erano neanche presi in considerazione. Col passare degli anni abbiamo assistito alla scomparsa di molte grandi fabbriche e quelle che restano sono state sottoposte a vincoli ambientali sempre più stringenti. Anche il settore automobilistico ha vissuto un periodo di costante miglioramento ambientale con l’introduzione di nuove tecnologie: infatti, nonostante l’incremento dei veicoli circolanti e alcuni aspetti critici, emersi anche dai recenti scandali, le emissioni correlate si sono via via ridotte. Di conseguenza, il contributo delle emissioni inquinanti prodotte dagli apparecchi e dagli impianti di riscaldamento ha assunto un peso relativo sempre maggiore. segue...

Approfondimento

La biomassa: una fonte di energia i cui effetti sanitari non devono essere sottovalutati

Si definisce biomassa qualsiasi prodotto delle coltivazioni agricole e della forestazione, qualsiasi residuo dell'industria della lavorazione del legno e della carta, tutti i prodotti organici derivanti dall'attività biologica degli animali e dell'uomo, come quelli contenuti nei rifiuti urbani. Questa varietà della biomassa e dei combustibili da essa derivati è all’origine di emissioni di natura e concentrazioni differenti a seguito della combustione. Nelle emissioni dei fumi prodotti dalla combustione sono presenti il vapore acqueo, l’anidride carbonica (CO2), il monossido di carbonio (CO), il particolato sottile o fine, gli ossidi di azoto (NOx), i composti organici volatili (COV) tra cui il benzene e gli idrocarburi aromatici policiclici (IPA) come il benzo(a)pirene, e gli ossidi di zolfo (SOx). segue...

Approfondimento

Piemonte: emissioni da riscaldamento domestico e misure per contrastarlo

È ormai consolidata la necessità di un continuo monitoraggio della qualità dell’aria e l’impegno all’implementazione delle misure necessarie a contrastare l’inquinamento atmosferico, così come la conoscenza della sua origine.

In tale ottica, la Regione Piemonte realizza periodicamente l'Inventario regionale, effettuando l'analisi dei requisiti e delle informazioni necessarie per la stima delle emissioni totali annuali di macro e microinquinanti. Per ciascuna delle sorgenti emissive – suddivise in sorgenti puntuali (singoli impianti industriali), sorgenti lineari (strade e autostrade) e sorgenti areali (fonti di emissione diffuse sul territorio) – vengono stimate le quantità dei principali inquinanti emessi. Dall’analisi dei dati emerge che le emissioni degli impianti residenziali hanno un peso significativo sul totale emissivo regionale, soprattutto quelle derivanti dagli impianti termici civili alimentati a legna. segue...

Approfondimento

Come si riscaldano gli italiani

L’Italia, si sa, è il paese dei mille borghi e dei mille campanili. Mille diversità che sono sparse su una lunga penisola, due isole molto grandi e molte altre minori: territori e insediamenti urbani diversi, caratterizzati da condizioni meteo-climatiche anche molto differenti. Basti pensare, ad esempio, che solo 3 famiglie italiane su 10 sono in possesso di sistemi per il raffrescamento, con un’accentuata variabilità a livello territoriale: 40% per il Nord-Est, 32% nel Mezzogiorno e poco meno del 25% per Nord-Ovest e Centro. A livello regionale si va dall’1,5% della Valle d’Aosta a fino a quasi il 50% della Sardegna.

Ma come e cosa consumano in materia di energia le famiglie italiane? segue...

Il punto di vista

Le virtù del gas

Gli studi Innovhub ed Enea aiutano a fare scelte consapevoli sulle soluzioni per il riscaldamento. Al di là dei luoghi comuni. Due domande alle associazioni del Gpl (Assogasliquidi) e del metano (Anigas)

 

Anigas

Come il gas naturale può rappresentare una scelta a valenza ambientale per il cittadino e il consumatore?

 

Il gas naturale è il vettore energetico che più di altri può ridurre l’inquinamento atmosferico nel settore del riscaldamento domestico soprattutto in termini di particolato e sostanze cancerogene contenute in primis il particolato (PT) e il benzo-pirene soprattutto in aree, segue...

Assogasliquidi

Il riscaldamento domestico è ormai universalmente riconosciuto come la prima causa di inquinamento da polveri sottili. Come può il singolo cittadino fare una scelta sostenibile in termini di sistema di riscaldamento?

Il tema dell’inquinamento atmosferico nel settore del riscaldamento è da tempo all’attenzione di Assogasliquidi, per gli impatti che esso ha in un comparto in cui il GPL si pone come prodotto energetico a disposizione soprattutto delle aree più svantaggiate del nostro territorio. segue...

Execution time: 45 ms - Your address is 54.80.124.245